L’influenza dei video raccomandati da YouTube e come difenderci

Reading Time: 2 minutes

Per quanto si possa essere critici verso Google è molto difficile farne a meno. Le ragioni per essere critici sono numerose. YouTube è la televisione su internet. Proprio per questo è importante essere consapevoli di quale sia l’influenza che i video raccomandati dall’agoritmo di YouTube hanno sul nostro modo di pensare e di informarci e, in definitiva, sulla società e sulla democrazia. Da navigatori e cittadini possiamo fare qualcosa per migliorare lo scenario futuro.

Ridurre l’influenza dell’algoritmo e difendere i propri dati

Pur usufruendo delle opportunità educative, informative e di intrattenimento di YouTube, si può fare in modo di non regalare a Google i propri dati personali, su cosa ci piace, cosa vediamo e cosa ci interessa veramente, in base alle nostre abitudini di visione. Alcune app e software ci vengono in aiuto.

NewPipe è un’applicazione, per Android, open source e gratuita, che è possibile scaricare dal sito ufficiale o dall’app store alternativo F-Droid. Un’app leggera, facile da usare, senza fronzoli. Ogni video presente su YouTube può essere visto legalmente attraversa questa app. I video si possono scaricare per una visione offline, quando vuoi, oppure si può ascoltare soltanto l’audio (e scaricare il file mp3 corrispondente) senza dover tenere lo schermo attivo o pagare per la versione premium. Niente pubblicità e niente distrazioni.

Per il desktop, Windows, Mac e Linux, una delle alternative è FreeTube. Le funzioni e i vantaggi sono equivalenti a quelli di NewPipe: privacy totalmente tutelata (YouTube non può acquisire alcun dato sulle tue abitudini di consumo), niente pubblicità, possibilità di abbonarsi a tutti i canali che vuoi senza un account Google e i tuoi dati non vanno online. In questo caso si può fare a meno di navigare dal browser e usare direttamente FreeTube.

Aiutare Mozilla a fare pressione su YouTube

La fondazione Mozilla ha lanciato un’inizitiva per spingere YouTube a continuare a migliorare l’algoritmo di raccomandazione e ridurne gli effetti negativi. YouTube afferma che ha già ridotto del 70% l’esposizione a video controversi, falsi o pericolosi, ma non c’è modo di verificare questa affermazione. Per questo Mozilla ha lanciato una estensione, per Firefox e per Chrome, così da realizzare una ricerca indipendente e vedere a che punto sta il lavoro promesso e svolto da YouTube per difendere gli utenti.

Per collaborare è sufficiente installare l’estensione. I dati raccolti da Mozilla sono anonimi. Una ottima occasione per dare il proprio contributo a una battaglia di civiltà.

L’estensione Mozilla RegretsReporter

 

Photo by Paolo Chiabrando on Unsplash

0 Commenti

    Mentions

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *